Tribunale di Vallo della Lucania

                                                            TRIBUNALE DI VALLO DELLA LUCANIA

                                                                     SEZIONE FALLIMENTARE

                                                                     Fallimento n. 1/2014 R.F.


Allegati:  | AVVISO PER OFFERTE DI ACQUISTO FALL.1_2014 documento  | Relazione di Stima documento  | Galleria Fotografica Galleria fotografica  | Ortofoto Galleria fotografica  | 


INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI DI ACQUISTO DI OPIFICIO INDUSTRIALE

Il dr. Miriana Imbriaco, Curatore del fallimento n. 1/2014 R.F.

                                                                                      RENDE NOTO

di essere stato autorizzato, in data 15.02.2018, dal Giudice Delegato dr. Michela Eligiato, a dar esecuzione al Programma di Liquidazione e pertanto si procede alla vendita dei beni immobili tramite procedura competitiva ex art. 107 l.f.,

                                                                                    SI INVITANO

gli interessati a far pervenire offerte irrevocabili di acquisto dei beni immobili attinenti un unico lotto posto in vendita, con le modalità di seguito evidenziate.

DATA E LUOGO DELLA VENDITA:

La vendita senza incanto avrà luogo innanzi al Curatore, presso il suo studio professionale in Vallo della Lucania alla via L.Rinaldi n. 8, il giorno 28 settembre 2018, alle ore 18,00.Ogni interessato potrà partecipare all’incanto a condizione che, entro il giorno 27 settembre 2018, alle  ore 18,00, abbia depositato l’offerta cauzionata (previo appuntamento telefonico al numero 339.3340222 o via mail:m.imbriaco@virgilio.it).

DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO, così individuato:

OPIFICIO INDUSTRIALE –LIBERO

-       Sito nel Comune di Cicerale, Loc. Terziere.

- 1) Foglio n.1, particella n.144, sub 6  - Capannone – Piano terra, Categoria  Catastale D1;

- 2) Foglio n.1, particella n. 144, sub 7 –Categoria Catastale C2, classe 1, Piano Terra, Consistenza

80 mq, Rendita 33,53, Cabina elettrica;

- 3)Foglio  n. 1, particella n. 144, sub 8 – Categoria catastale A10, Uffici e studi privati, piano primo – consistenza 12 vani;

- 4) Foglio n. 1, particella n. 144, sub 9– Categoria catastale D1, piano primo;

- 5) Foglio 1 particella 144 sub 1/5 corte o resede.

Gli immobili  possono considerarsi quale unico lotto per la vendita come di seguito: Lotto unico – Comune di Cicerale –Foglio n. 1, particella n.144, sub1/5,6,7,8,9 - L’opificio è sito nel Comune di Cicerale, in provincia di Salerno, ed è ubicato all’interno dell’Area P.I.P. del comune di Cicerale a confine con i Comuni di Agropoli e Giungano e pertanto il principale collegamento stradale è la Variante alla Strada Statale 18, declassata in strada regionale; la stazione ferroviaria più vicina è quella di Agropoli--Castellabate, lungo la direttrice Napoli--Reggio Calabria, a circa 15 km dall'abitato; il servizio extraurbano, mediante autobus, è garantito dalle diverse linee gestite dal Consorzio Salernitano Trasporti Pubblici (CSTP) che collega la località cilentana con i principali centri di interesse territoriale. - Altezza interna utile: 6,70 m. per opificio e 3,5 m. per gli uffici e depositi al piano terra e 3,20 m al piano primo. Il fabbricato risulta quindi realizzato regolarmente e risulta conforme ai grafici progettuali allegati alle concessioni edilizie suindicate. I beni non ricadono su suolo demaniale né sono gravati da censo, livello o uso civico. Sono state riscontrate le seguenti superfici: PIANO TERRA : Area Produzione 1227,48 mq, Locale mensa, servizi igienici, spogliatoi, infermeria, portineria, officina, sala d’attesa 424,00 mq. Ingresso a Manufatto Produttivo 64,80 mq ,Area Sosta prodotto 466,20 mq , Impianti tecnologici 85,00 mq. PIANO PRIMO: Uffici 279,48 mq. AREA ESTERNA: Parcheggio 890,08 mq. TOTALE  S.U.C. 2546,96 . TOTALE S.N.C. al 25% mq 890,08 mq. L’opificio è stato edificato su terreno così identificato: Località Terzerie, Cicerale FOGLIO 1 part. 87, consistenza 5.830 mq. FOGLIO 1 part. 93, consistenza 3.078 mq. Il terreno sul quale è stato costruito l’opificio ha una estensione totale pari a 8.908 mq.

 IL VALORE STIMATO DEL LOTTO E’ PARI AD    €   911.151,40.

E’ possibile presentare offerta minima pari a 683.363,55 oltre imposte.

 Il Curatore (cedente) si riserva di esercitare l’opzione ai fini della imposizione I.V.A. e della relativa possibilità di “reverse charge” (inversione contabile) anche in considerazione del regime fiscale dell’acquirente (cessionario).

CONDIZIONI DI VENDITA

La descrizione e valutazione del lotto in vendita può essere ricavata dalla perizia di stima alla quale si rinvia espressamente.  Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano così come identificati e valutati dall’esperto con elaborato agli atti della procedura, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente. La vendita avviene a corpo e non a misura ed eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza  di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere -- ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento degli impianti alle leggi  vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore -- per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti o comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Si precisa che è facoltà degli organi di procedura sospendere la vendita nell’ipotesi in cui emergano eventuali incongruenze nella titolarità degli immobili senza che ciò possa dar luogo per la procedura ad alcuna responsabilità; responsabilità che restano espressamente escluse anche per eventuale mancato rilascio di provvedimenti di condono e per eventuali difformità urbanistiche anche non citate in perizia.

***

PROCEDURA COMPETITIVA

1 Procedura L’offerta di acquisto, costituente a tutti gli effetti proposta irrevocabile ex art.1329 del codice civile, dovrà essere formalizzata e depositata presso lo studio del Curatore nel luogo e nei tempi indicati nell’avviso di vendita, in busta, recante all’esterno la sola Dicitura “Offerta per la vendita del giorno 28 settembre 2018”. Il Curatore, o un suo delegato, provvederà a sigillare la busta apponendovi un contrassegno numerico identificativo ed a rilasciarne copia al partecipante. Ogni altra forma di offerta sarà ritenuta giuridicamente inesistente e di conseguenza non verrà considerata dagli organi fallimentari.

 2 Offerte irrevocabili di acquisto L’offerente avrà cura di inserire nella detta busta, a pena di esclusione:

a)offerta irrevocabile di acquisto in regola con l’imposta di bollo con esatta indicazione del numero del fallimento, del lotto per il quale si intende partecipare, del nominativo dell’offerente e del relativo codice fiscale, nonché della residenza, ovvero se trattasi di persone giuridiche della denominazione e ragione sociale, della relativa P. IVA nonché della sede legale, del numero di telefono e mail cui ricevere le comunicazioni;

 b) prezzo offerto: LOTTO UNICO: prezzo pari o superiore al prezzo base di euro 911.151,40 (oltre imposte di legge, spese di trasferimento e spese di cancellazione delle formalità pregiudizievoli) partecipando in tal modo alla gara da svolgersi nella data dell’udienza di vendita con le modalità descritte di seguito nella presente sezione relativa alla procedura di vendita. OFFERTA MINIMA: e’ possibile formulare un’offerta minima, così come disciplinata dall’art 571 comma 2 c.p.c., per un importo non inferiore ad un quarto rispetto al prezzo base indicato nell’avviso di vendita pubblicato, ossia per l’importo non inferiore ad euro 683.363,55 ; DEPOSITO CAUZIONALE: assegno circolare non trasferibile intestato al “Fallimento n. 1/2014 Tribunale Vallo della Lucania”, per una somma pari al 10% del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale da imputare in conto prezzo in  caso di accettazione dell’offerta, che sarà incamerato a titolo di penale in caso di successivo mancato versamento del saldo del prezzo; c)Dichiarazione espressa di accettazione dei contenuti del lotto unico posto in vendita come visto e piaciuto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova; Fotocopia di un documento di identità per le persone fisiche o visura/certificazione camerale con le generalità del legale rappresentante per le persone giuridiche; d) Partecipazione all’incanto Ciascun offerente, ai sensi dell’art. 571, co I, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, co III, c.p.c.. Ogni interessato potrà partecipare all’incanto a condizione che, entro il giorno 27 settembre 2018, alle ore 18,00, abbia depositato nelle forme in precedenza esposte l’offerta cauzionata (previo appuntamento telefonico al numero 339.3340222 o via mail: m.imbriaco@virgilio.it). Sono escluse dall’incanto perché ritenute giuridicamente inesistenti le eventuali offerte che siano subordinate, in tutto o in parte, a condizioni di qualsiasi genere. e) Apertura delle buste e gara tra gli offerenti Le buste saranno aperte nel luogo, giorno e ora stabiliti nel presente avviso di vendita, dinanzi al medesimo Curatore ed alla presenza degli offerenti, ove comparsi. Nel caso di mancata comparizione degli offerenti, l’aggiudicazione sarà comunque disposta anche in caso di unico offerente. In caso di presenza di più offerte, si procederà ad una gara da svolgersi nella data dell’udienza di vendita avanti al Curatore. La gara avrà luogo esclusivamente tra coloro che avranno già in precedenza depositato presso lo studio del Curatore, nelle forme sopra indicate, offerta irrevocabile di acquisto per il Lotto UNICO a prezzo pari o superiore al prezzo base oppure offerta minima ai sensi dell’art. 571 co 2, c.p.c.. Per tali offerte sarà dato corso ad una gara sulla più alta, mediante unica offerta in aumento ad aumento libero– da formularsi per iscritto subito dopo l’apertura delle buste entro i tre minuti successivi dalla consegna di apposita scheda per la formulazione dell’offerta stessa. L’aggiudicazione avrà luogo in favore del soggetto che avrà formulato l’offerta più alta; in parziale applicazione dell’art. 573, comma 3, c.p.c., se la gara non può avere luogo per mancanza di adesioni degli offerenti, la vendita verrà disposta in favore del soggetto che avrà formulato l’offerta più alta. In caso di parità di somma offerta l’aggiudicazione avverrà in favore del soggetto che avrà depositato per primo l’offerta, dandosi preferenza al criterio temporale; f) Aggiudicazione e completamento della procedura. L’aggiudicazione è sempre provvisoria giacché all’esito della gara il Curatore è tenuto, a norma dell’art. 107 comma L.F., a relazionare, per iscritto e nel termine di dieci giorni, al Giudice Delegato circa le operazioni svolte, al fine di permettere al G.D. medesimo di esercitare tutti i diritti e le prerogative spettanti a norma dell’art. 108 l.f.. Superato il vaglio da parte del Giudice Delegato e del Comitato dei Creditori l’aggiudicazione diventerà definitiva e di essa sarà data comunicazione all’interessato. La presentazione di offerta, anche nel caso di unico offerente, non diritto all’acquisto; ogni decisione in merito alla conclusione o meno della vendita è rimessa agli Organi di procedura. L’atto definitivo di trasferimento dell’immobile posto in vendita verrà stipulato entro 30 giorni dall’accettazione dell’offerta ovvero dalla sua comunicazione, dinanzi ad un notaio designato dagli Organi della procedura, previo pagamento del residuo complessivo prezzo a mezzo assegni circolari intestati alla procedura da consegnare a mani del curatore in occasione della stipula o a mezzo bonifico sul conto corrente bancario intrattenuto dal fallimento almeno 10 giorni prima dell’atto pubblico. Nel caso in cui l’offerente non provveda al versamento del saldo del prezzo nei termini di cui sopra, il deposito cauzionale non verrà restituito ma sarà incamerato a titolo di penale. Il bene verrà trasferito libero da trascrizioni pregiudizievoli. Le imposte di legge e tutte le spese relative alla vendita, al passaggio di proprietà, al compenso del notaio che redigerà l’atto, nonché le spese di cancellazione di iscrizioni e trascrizioni nei registri saranno a carico dell’acquirente che le corrisponderà al curatore al momento del saldo del prezzo, salvo che facciano carico al venditore per disposizione inderogabile di legge. Per gli Organi fallimentari non sorge alcun obbligo od impegno di alienazione nei confronti di eventuali offerenti sino al momento della comunicazione dell’accettazione dell’offerta di acquisto, e per questi ultimi alcun diritto a qualsivoglia rimborso, indennizzo o prestazione. Qualora una o più clausole dell’avviso di vendita siano dichiarate o da considerarsi invalide e/o inefficaci, le altre clausole rimarranno valide ed efficaci e la  clausola invalida o inefficace sarà sostituita, ove possibile, dalla corrispondente disposizione di legge.

g) Riapertura della gara E’ espressamente ammessa la possibilità di sospendere la gara e di indire nuova procedura competitiva tra tutti gli interessati qualora intervenga con deposito presso lo studio del Curatore entro i termini di legge offerta migliorativa di almeno il 10% del miglior importo realizzato nella indetta gara. In tal caso, per garantire la serietà della proposta, è previsto il deposito di nuova offerta cauzionata con il 20% del nuovo importo proposto. h) Pubblicita’ e visite. E’ prevista la pubblicità obbligataria della presente procedura competitiva sul Portale Pubblico delle Vendite https://portalevenditepubbliche.giustizia.it/.

Copia dell’avviso di vendita sarà visionabile presso lo studio del Curatore e sarà disponibile sui siti internet

https://www.astelegaligiudiziarie.it  https://www.asteannunci.it  https://www.asteavvisi.it  https://www.canaleaste.it  https://www.rivistaastegiudiziarie.it 


Ciascun interessato, potrà procedere alla visita dell’immobile industriale nonché, previa sottoscrizione di un accordo di riservatezza, all’esame dei dati e dei documenti relativi ai beni oggetto di cessione previo appuntamento telefonico.

Curatore del fallimento dr. Miriana Imbriaco tel. 339.3340222 - mail: m.imbriaco@virgilio.it

Sito conforme agli Standard W3C/XHTML 1.0 Strict Sito conforme agli Standard W3C/CSS2 Sito conforme alle linee guida W3C/WAI-AAA [Valid RSS]